Ultima modifica: 28 febbraio 2016

Arte e Architettura

Palazzo Baronale
Il castello Baronale fu costruito nel 1593, sui resti di una precedente struttura di epoca tardo bizantina. Nonostante i rimaneggiamenti subiti, l’ultimo infatti risale al 1842, la struttura odierna ha conservato l’impianto originario. Sulla facciata si legge la seguente iscrizione” Questo vecchio castello che una col titolo di baronia Filippo Formica il primo tenne nel MDXCIII i fratelli Filippo Angiolo e Giuseppe discendenti di lui soppressi i segni della feudale giurisdizione a miglior forma ridussero nel MDCCCXLIII”. Particolarmente interessante è la torre ovale, presente all’interno della corte del castello, torre che con la sua pianta ellittica è uno dei pochi esempi esistenti e visibili in Europa. Fu realizzata con tale tecnica costruttiva su progetto dell’architetto Pietro D’Agincourt. Particolarmente interessanti sono gli altorilievi che adornano i beccatelli dei due balconcini che si affacciano sulla piazza. Infatti tre dei sei volti di donna scolpiti in pietra locale presentano un’acconciatura molto singolare e pronunciata, gli altri tre mostrano un evidente gozzo.

Chiesa Madre
La Chiesa Madre dedicata a Santa Maria Assunta è stata eretta nel sec. XVI e all’inizio dell’800 è stata quasi del tutto rifatta. La struttura iniziale doveva essere a croce latina e lunga il doppio rispetto all’attuale. Infatti, in seguito al crollo della roccia su cui era fondato l’edificio si ebbe il conseguente cedimento di buona parte della navata centrale.Anche il corpo di fabbrica del campanile ha subito vari rifacimenti. L’ultimo nel 1973 ha comportato l’aggiunta di due piani. La struttura della chiesa si conforma di tre navate, quella centrale termina con un presbiterio piatto rispetto alla dinamicità del resto dell’organismo. I dipinti che adornavano le pareti e la zona dell’abside, oggi non più esistenti, risalivano all’epoca di costruzione della chiesa e furono rimaneggiati negli anni’ 50. Nella chiesa sono custodite alcune statue lignee del sec. XVII, tra cui l’Immacolata, San Giacomo e Santa Maria Maddalena.E’ inoltre conservato un battistero in pietra, costruito da un catino di fattura piuttosto grezza datato al XV secolo. La chiesa come è visibile oggi, è frutto di un restauro generale terminato nel 2002.

Cappella dell’Addolorata
La cappella dedicata all’Addolorata, annessa al palazzo baronale, è stata edificata nel XVII secolo. La struttura Organizzata in un’unica navata, è impreziosita da un soffitto ligneo decorato con dipinti ad olio nel quale è stata accuratamente inserita, con una cornice, una tela dipinta anch’essa ad olio, raffigurante una Pietà. Sull’altare si trova una statua” manichino” della Madonna Addolorata del XVIII secolo. Altro prezioso particolare è costituito dall’organo e dalla cantoria in legno intagliato policromo, sostenuta da due colonne. Dietro l’altare maggiore si trova una fonte lavamani con vaschetta e mascherone scolpito in pietra di pregevole fattura. Nello stesso vano sono sepolti il barone Giovanni Formica con la sua consorte Barbara Donnaperna morti rispettivamente nel 1814 e 1835.




Link vai su